Come lavora un SEO: plugin per browser – prima parte

Condividi su:

 

Una forma alternativa all’analisi ed al monitoring di siti web alle SEO Suite online ed offline sono i plugin per browser. Questi piccoli software che estendono le funzionalità dei browser non soppiantano le molteplici funzionalità dei software maggiori ma ci consentono di effettuare analisi veloci onsite ed offsite.

 

Tra i diversi plugin che uso per studio e per lavoro, in questo articolo ve ne riporterò 3 mentre in futuri articoli ne analizzerò altri.

Tutte le estensioni sono installate in Google Chrome ma sono disponibili anche per altri browser tra cui Firefox od Opera.

Iniziamo.

Yslow. Analizziamo i componenti di una pagina web e miglioriamola

Yslow è un plugin per Firefox o estensione per Google Chrome che ci consente di analizzare una pagina web comprendendo quali elementi causano un decadimento delle prestazioni nella velocità di caricamento. Il software classifica la pagina analizzata con un grado da A ad F mostrandoci un voto che viene assegnato al complesso dei componenti che ne fanno parte ed indicandoci gli elementi più problematici dandoci una soluzione per migliorarli. Per analizzare la pagina procederemo cliccando su Run Test nella sezione Home ma prima dovremmo scegliere il profilo più adeguato alla tipologia di sito da analizzare; solitamente il predefinito Yslow (V2) va bene per tutti i siti ma se nello specifico abbiamo un blog od un sito più piccolo utilizzeremo il profilo apposito.

Sezione Home di Yslow
Sezione Home di Yslow

Nella schermata sottostante ottengo un Grade D (nel menu Grade), perché in questo sito non utilizzo, per motivi di compatibilità, un sistema di cache che mi darebbe un boost nelle prestazioni di caricamento delle pagine. Nella sezione Grade possiamo analizzare tutti gli elementi che compongono la pagina classificati con un grado, dal più problematico al più ottimizzato. Analizzando i risultati possiamo capire come migliorare la pagina e di conseguenza anche tutto il sito.

Sezione Grade di Yslow
Sezione Grade di Yslow

Continuando nell’analisi, la sezione Components ci mostra nel dettaglio ogni file che compone la pagina dandoci delle informazioni molto utili per capire quanto siano grandi in byte o se sono compressi, qual’è la loro URl di riferimento, se producono cookie (dato molto utile per compilare una cookie policy) od in quanto tempo in ms vengono caricati.

Sezione Components in Yslow
Sezione Components in Yslow

 

Ultima sezione è Statistics che ci restituisce dei grafici a torta in cui sono riassunti il peso in byte dei diversi elementi che compongono la pagina e quante risorse richiedono per il loro caricamento.

Sezione Statistics di Yslow
Sezione Statistics di Yslow

 

MozBar. Una barra per analisi in tempo reale

La barra di Moz è molto utile per monitorare diversi parametri mentre agiamo in tempo reale su un sito. Una volta attivato il plugin ci ritroveremo con una barra fissa proprio sotto la barra di indirizzo del nostro browser. La barra in alto riporterà dei valori più dettagliati delle piccole barre che troveremo, ad esempio, sotto ogni risultato nelle SERP di Google che riporteranno solo il PA, il DA e la Link Analysis che se cliccata rimanda alla pagina dell’Open Site Explorer di Moz.

La Mozbar in SERP
La Mozbar in SERP

Nella barra nell’header troviamo, invece, un pulsante per esportare i risultati della ricerca o del sito in formato CSV analizzabile, ad esempio, con Microsoft Excel o Google Drive. Subito a fianco troviamo un menu a discesa in cui poter personalizzare il motore di ricerca da usare per le analisi dei siti, ad esempio per Google si può selezionare, Nazione, Regione e Città di preferenza oppure si può creare un nuovo profilo (Add new profile) col motore di ricerca che si preferisce e con i parametri personalizzati che si vuole aggiungere.

Cliccando su un sito ed entrandoci, la barra dell’header cambia e si arricchisce di nuove opzioni. Abbiamo:

  • la Page Analysis che ci restituisce una serie di informazioni sugli elementi che compongono la pagina analizzata. questi elementi sono suddivisi in sezioni ognuna della quale ci mostra ad esempio, lo status HTTP della pagina, le metriche usate da Moz per classificare il sito, gli attributi generali della pagina come il tempo di caricamento o l’indirizzo Ip e la nazionalità e molto altro.
  • gli Highlight Links che sono molto utili per capire quali link del nostro sito hanno attributo dofollow, nofollow oppure se sono interni o rimandano a siti esterni. Tutto questo ci viene segnalato visivamente con colori differenti e possiamo, tramite un modulo di ricerca, trovare determinate parole chiave nella pagina analizzata per capire che attributo possiedono.
  • una serie di parametri che decidiamo di far apparire agendo sull’icona a forma di ingranaggio e ci consentono di avere tutte le metriche presenti nel sistema di moz per cui il PA, DA, MozRank e MozTrust, lo Spam Score e molto altro tra cui anche alcuni Social come Facebook e Google+ nel totale delle condivisone dell pagina in questi social media.
  • infine, vicino all’icona a forma di ingranaggio abbiamo un pulsante che ci consente di spostare in basso la Mozbar o di chiuderla mantenendo attivo, però, l’estensione.

 

SeoQuake. Una barra avanzata per analizzare, monitorare e comparare siti

Installando e attivando l’estensione, ogni qual volta vorremo analizzare un sito dovremo cliccare sull’icona a destra della barra di indirizzo sull’icona con le iniziali SQ. Ci apparirà un box informativo con tutte le caratteristiche della pagina/sito analizzata con delle classificazioni e dei conteggi inerenti il sito e come è posizionato o classificato su motori di ricerca e seo suite. Per cui avremo un quadro completo sia dei link presenti su Google, Yahoo o Bing riferenti al sito analizzato, come i like sui social media o come la classificazione in servizi  Semrush o Alexa.

Il box informativo per browser di SeoQuake
Il box informativo per browser di SeoQuake

Saremo noi a decidere come vedere nel box informativo, invece cliccando nei link posti in alto al box accederemo al sito di SeoQuake dove potremo analizzare con più dettagli i risultati ottenuti. Per cui, cliccando su PAGE INFO verremo indirizzati al sito di SeoQuake dove vedremo un riepilogo delle informazioni del sito come il Title, la Meta description, il computo dei link follow e nofollow ed il server su cui è presente il sito oltre ad un  un riepilogo delle altre sezioni di SeoQuake. In DIAGNOSIS abbiamo dei risultati inerenti gli errori presenti nel sito e dei suggerimenti su come ripararli. In INTERNAL ed EXTERNAL, abbiamo l’elenco dei link interni al sito o che portano a siti interni, oltre al conteggio e alla suddivisione in categorie possiamo esportare i dati in formato CSV. In DENSITY possiamo analizzare quante volte abbiamo ripetuto determinate parole nel sito od in un pagina, la densità e la vicinanza/prominenza ci faranno comprendere come strutturare testi corretti lato SEO. Molto importante è il COMPARE URLS/DOMAINS che ci consente di elencare una serie di siti che vogliamo comparare così da cogliere le differenze, ad esempio, dei siti dei nostri competitor o del nostro network.

Sezioni del sito di SeoQuake
Sezioni del sito di SeoQuake

 

Conclusioni

In questo primo excursus dei plugin per browser che utilizzo per un’analisi SEO e non solo dei siti del mio network o dei miei clienti, abbiamo visto come fare un’analisi onsite ed offsite. Nei prossimi articoli vedremo come realizzare delle cookie policies analizzando gli elementi che vengono caricati nel sito oppure faremo delle analisi dei social più utilizzati e molto altro.

 

Iscriviti alla Newsletter

Iscriviti alla Newsletter

Iscrivendoti riceverai contenuti selezionati per chi ama il Content Marketing e la SEO. (no spam, max 1 news/sett.)

You have Successfully Subscribed!

 

Commenta:
The following two tabs change content below.
Web Content Specialist e consulente SEO freelance. Pianifico e realizzo campagne di Content Marketing e SEO per i miei clienti ed il mio network.